Paste your Google Webmaster Tools verification code here
  • ALESSITIMIA : COS’E’ E QUALI CONSEGUENZE PRODUCE.

    alessitimia

    “La fantasia non ha età e i sogni sono per sempre”

    (W. Disney)

     

    Alessitimia cos’è e quali conseguenze produce.

    L’alessitimia indica una ridotta capacità di riconoscere le emozioni (a=mancanza; lexis=parola;thymos=emozione: non avere parola per l’emozione). Si tratta di un vero e proprio disturbo che impedisce la comunicazione di stati d’animo rendendo lo “scambio sterile e incolore”. Il paziente alessitimico lo si incontra comunemente nello studio di medicina di base a riportare una serie di sintomi fisici che spiegano il suo mal-essere psicologico. Essere alessitimico non significa completa assenza di emozioni o incapacità di definire i propri stati emotivi, ma una carenza nel “mentalizzare”, cioè nell’organizzare e interpretare i propri e altrui stati affettivo-emotivi.

    L’origine di tale disturbo viene imputato ad un evento traumatico o a difficoltà con la propria figura di attaccamento (la madre), con la quale non c’è stata sintonizzazione nel riconoscimento e soddisfazione dei bisogni primari e secondari. Il corpo si sostituisce alla parola e comunica un adattamento disfunzionale che “parla” di: gastr-ite, col-ite, duoden-ite…piuttosto che ipertensione o cardiopatie; dal punto di vista psicologico disturbi d’ansia, depressione, disturbi dell’alimentazione, dipendenze.

    Quando la parola non trova una via d’uscita, le emozioni si cristallizzano e il corpo perde la sua funzione di custode della salute psicofisica.

    Il paziente alessitimico può essere anche un adolescente che già in difficoltà nel suo momento evolutivo nell’integrare e organizzare il suo sviluppo, non riesce ad utilizzare le emozioni come fonte aggiuntiva di informazioni e esperienza, rischiando in questo modo di compromettere la costruzione della propria identità. Risulta difficile, per questi pazienti, risalire alle situazioni in cui hanno pianto o riso, e spesso difficile comprendere la causa-effetto di un loro comportamento nell’interazione con l’altro. Immaginiamo come possa essere difficile dialogare a livello emozionale con qualcuno che interagisca aprendo il solo canale cognitivo, viene persa la globalità dell’esperienza e non viene colta la pienezza di uno scambio comunicativo, esponendosi ancor di più ad un isolamento emotivo (l’altro interlocutore non lo capisce e non viene capito). Nello sviluppo dell’individuo tutto ciò porta a non riconoscere e soddisfare adeguatamente i propri bisogni, fino a incorrere in un mal-essere che si traduce in ansia, depressione, dipendenza da sostanze o da comportamenti che alleviano l’ottundimento.

    Il paziente alessitimico rischia di non vedere il potenziale creativo insito nell’essere umano, privando se stesso di molteplici possibilità, il suo campo visivo è compromesso ad una visione ristretta dell’esperienza umana e delle relazioni, tutto ciò non favorisce un processo di crescita e sviluppo ricco di opportunità compromettendo il senso di autorealizzazione. Oggi, in una società in cui viene chiesta versatilità e rinnovamento è fondamentale lasciare libero l’emisfero destro di manifestare la sua espressione creativa.

    Anche nei bambini è possibile individuare alcuni sintomi prognostici, per tale ragione nell’ultimo decennio sempre più spesso si sente parlare di intelligenza emotiva e si somministrano test standardizzati per misurarne il Qie con cui è stato possibile riscontrare che bassi livelli di intelligenza emotiva e alessitimia sono collegati negativamente tra loro. Ampliare l’attenzione all’accoglienza e all’ascolto attivo dell’altro nella sua interezza aiuta il processo di consapevolezza e sollecita  la richiesta di aiuto, per non vivere una vita a metà o costellata di disturbi psicosomatici o relazioni interrotte.

    La psicoterapia costituisce per questo tipo di pazienti un’occasione riparativa volta al benessere e al miglioramento della qualità della vita. La psicologia odierna è orientata verso interpretazioni integrative, i problemi che riguardano la mente e il corpo sono collegate  a cause esterne e interne all’individuo, in questo disturbo si crea un arresto o un mancato sviluppo delle capacità regolative e si evidenziano in letteratura scientifica correlazioni tra deficit emotivi e malattie psicosomatiche.  Anche il medico, che solitamente è il primo ad essere contattato, diventa una figura professionale determinante nel sollecitare il paziente ad interrogarsi sui messaggi che il corpo manifesta, per poterli leggere, tradurre e utilizzare per il suo processo trasformativo e evolutivo attraverso una richiesta di aiuto psicologico.

     

    Dott.ssa Antonella Scopelliti

    Psicoterapeuta dell’individuo e del gruppo

    Indirizzo fenomenologico integrato

     

    Leave a reply →